Come superare la paura di guidare?

Paura di guidare: cos'è e come affrontarla

Qualche TeaPost fa avevamo parlato della paura di volare, oggi affrontiamo (a grande richiesta!) un’altra paura simile: la paura di guidare.

Come per la paura di volare, anche rispetto alla guida esistono tantissime gradazioni: c’è chi ha paura, ma comunque riesce a guidare, chi affronta la guida con forte ansia, chi non riesce proprio ad affrontarla per paura che scateni attacchi di ansia e di panico e chi ha una vera e propria fobia (questa estremapaura di guidare ha anche un nome: amaxofobia).

Inoltre, esistono moltissime forme rispetto alla paura o fobia di guidare:

  • C’è chi ha paura di guidare da solo;
  • Chi ha paura di guidare quando c’è qualcuno accanto;
  • Chi ha paura se è notte o molto buio;
  • Chi ha paura su particolari percorsi (autostrade, strade con gallerie…);
  • Chi ha paura su strade sconosciute (ma è sereno su strade familiari).

Perché nasce la paura di guidare?

Come nella maggior parte delle fobie, anche per quanto riguarda la paura di guidare le cause possono essere molteplici:

  1. Può essere strettamente connessa a un altro disturbo d’ansia (attacchi di panico, agorafobia…);
  2. Può avere un’origine “traumatica” diretta o indiretta (ad esempio, l’aver subito o aver assistito a incidenti);
  3. Può avere un’origine “più profonda” (ad esempio, la paura di guidare potrebbe essere espressione di una più generale paura di allontanarsi da casa e di crescere oppure potrebbe essere connessa a una forte forma di insicurezza nei propri mezzi).

Come sempre, quindi, occorre fare una buona diagnosi, ossia capire a cosa sia connessa la paura di guidare. Il rischio nel far da soli o affidarsi alla persona sbagliata? Quello di cercare una risoluzione che, come dico sempre, fa un effetto boomerang, generando più danni di quelli iniziali.

tcu football GIF

Come affrontare la paura di guidare?

Come dicevo sopra, il primo step è quello di effettuare una buona diagnosi: perché la persona ha paura di guidare? Su tali basi si valuta il trattamento più opportuno.

1. Paura di guidare connessa a un altro disturbo d’ansia

In questo caso, si effettua una terapia mirata al disturbo principale (attacchi di panico, agorafobia…). In moltissimi casi, la paura di guidare si risolve di conseguenza. In caso contrario, si farà una parentesi specifica sulla guida (vedi il punto successivo).

2. Paura di guidare come fobia specifica

Quando la paura di guidare è una fobia a sé stante, in alcuni casi legata a un’esperienza “traumatica” diretta o indiretta (aver subito o aver assistito a indicenti, ad esempio), si lavora con alcune tecniche che sono tipiche della terapia cognitivo comportamentale. Ecco alcuni esempi:

  • Tecniche di respirazione. Abbiamo parlato spesso delle tecniche di respirazione qui sul blog, quindi non ve le descrivo nuovamente.
  • Scheda ABC (tecnica che cerca di capire quali pensieri, emozioni e comportamenti si attivino in automatico durante la situazione temuta).
  • Esposizione graduale e desensibilizzazione sistematica (tecniche che prevedono di avvicinarsi alla situazione temuta procedendo per piccoli passi, iniziando da tecniche di immaginazione).
  • Tecniche EMDR.
3. Paura di guidare come metafora di un conflitto più profondo

Alcune persone hanno dei temi più nascosti che si esprimono attraverso paure come quella di guidare. Tra questi temi ci sono la paura di crescere (più in generale, la paura dell’autonomia), la paura dell’abbandono, la paura di un’aggressività inconscia che può emergere improvvisamente, la paura di perdere il controllo.

In questi casi, lavorare direttamente sulla paura di guidare può essere controproducente: dopo un primo momento di serenità, si rischia che la paura torni più forte o che prenda semplicemente altre forme. Sarà, quindi, necessario lavorare prima sui temi che sottostanno alla paura di guidare per poter tornare al volante (in genere, una volta affrontato e risolto il tema, si torna a guidare abbastanza tranquillamente).

Anche voi avete paura di guidare? Quanto è grande questa paura? E avevate mai riflettuto sulle possibili cause?

About The Author

Alessia Romanazzi

Psicologa e psicoterapeuta. Aiuto le persone ad affrontare momenti di stress temporanei o prolungati. Insieme cercheremo la tua personalissima soluzione per superare il momento critico. Mi trovi in studio a Saronno e a Milano. Attraverso Skype in tutto il mondo!