Perché lo psicologo…non dà consigli?

Perché lo psicologo non dà consigli

Nuovo TeaPost della rubrica “Perché lo psicologo…?” (qui trovi il primo della serie: perché lo psicologo non mi capisce, io cambio). Le domande che mi vengono poste più spesso, in studio e sui social, cominciano quasi sempre con “Come faccio a…?”. Se poteste guardare dentro la mia testa vedreste un gigantesco “Boooh” che campeggia e…

Continua a leggere…

Intervista | La donna giocoliera

Intervista | La donna giocoliara

Ogni tanto vi parlo della donna giocoliera. E’ un’immagine che uso per descrivere quelle donne (sono più spesso donne, almeno nella mia esperienza) che stanno dietro a tutto: doveri e bisogni altrui, spesso dimenticando i propri. Non appaiono come le donne “sottomesse” ai doveri. Piuttosto appaiono come donne tutto d’un pezzo che non hanno bisogno…

Continua a leggere…

Perché lo psicologo…non mi capisce? Io cambio!

perché lo psicologo...non mi capisce? Io cambio

Questo post è il primo della rubrica “Perché lo psicologo…?”. TeaPost dopo TeaPost provo a rispondere alle vostre domande sulla terapia. Parto dalla questione: “Non mi trovo più con il mio psicologo, voglio cambiarlo!“ Le motivazioni che seguono sono le più disparate: Siamo fermi Non mi sento capito Mi annoio Cambia troppo spesso giorno e…

Continua a leggere…

Intervista | Fame nervosa: sono un pezzo unico

Intervista-Fame-nervosa-sono-un-pezzo-unico

Oggi vi propongo l’intervista che ho fatto a M. (47 anni). Il percorso inizia per un problema di fame nervosa, ma come sempre il cibo e il corpo c’entrano poco, perché il lavoro è di stampo emotivo. Nell’intervista, M. vi racconta quando sia stata tosta e difficile: credetele! Ma è proprio per questo che sono…

Continua a leggere…

“Mi serve lo psicologo? Non posso farcela da solo?”

Mi serve per forza lo psicologo? Non posso farcela da solo?

Partiamo subito con una domanda: cosa significa per voi farcela da soli? Lo so è un po’ la classica domanda da psicologo, ma non pensate che abbia dietro chissà quale tranello. Semplicemente, prima dobbiamo capire che cosa si intende. Per qualcuno significa “senza aiuti”, per altri “avere il controllo della situazione” (quindi chiedere aiuto, ma…

Continua a leggere…

5 libri da portare in vacanza

5 libri da portare in vacanza

Ultimo TeaPost prima della pausa estiva. Ho, quindi, pensato di suggerirvi qualche libro da leggere sotto l’ombrellone o sul divano o in metropolitana (c’è anche chi, ad Agosto, non andrà in vacanza). Non sono libri nuovissimi, ma son libri che ho letto e che mi hanno dato alcuni spunti per riflettere su me stessa o…

Continua a leggere…

Intervista | Giunta a 30 anni: il dubbio assoluto!

Intervista | Giunta a 30 anni dubbio assoluto

Oggi vi propongo un’intervista fatta a G., che di anni in realtà ne ha 29. Il titolo, però, rende bene l’idea rispetto a quello che le ho chiesto di raccontare: il momento di confusione che si vive nel momento in cui si raggiunge un momento (o un’età) che segna un punto di svolta. Come ormai…

Continua a leggere…

Aiuto, il primo colloquio con lo psicologo!

Aiuto il primo colloquio con lo psicologo

Gennaio è un periodo in cui arrivano tante nuove richieste. Rispondere alle mail e alle telefonate sembra una questione semplice, ma ho sempre idea che sia un lavoro delicato. Anche chi non vede l’ora di iniziare un nuovo percorso, infatti, è un po’ agitato nel prendere in mano il telefono. Quella telefonata, quella mail, di…

Continua a leggere…

Lettera ai miei pazienti

Lettera ai miei pazienti

(Post scritto con Fix You dei Coldplay, in sottofondo. E’ una delle mie canzoni preferite e mi sono, poi, resa conto che in questo caso ha anche un suo significato!) Spesso, alla fine dell’anno (o durante il percorso), chiedo ai miei pazienti di fare un bilancio. Facciamo insieme una riflessione su come fossero quando sono…

Continua a leggere…

Colloqui con la psicologa | La crisi post-partum nei papà

Colloqui con la psicologa | Crisi post-partum nei papà

Oggi vi parlo di un fenomeno che mi capita di vedere sempre più spesso in studio: la crisi post-partum nei papà. Non possiamo parlare, ovviamente, di vera e propria depressione post-partum, ma c’è un fenomeno molto simile che, nella mia esperienza, arriva un pochino più avanti nei mesi.  Se nelle donne, i sintomi “depressivi” possono…

Continua a leggere…

Page 1 of 2